Dal mondo / Medioriente

Commenta Stampa

Ma per come viene raccontata sa di bufala. Fatta male

Siria: The Guardian pubblica e-mail "segrete" di Assad


Siria: The Guardian pubblica e-mail 'segrete' di Assad
15/03/2012, 13:03

LONDRA - Se fosse una cosa vera, sarebbe esplosivo: 3000 e-mail copiate dalla posta personale del presidente siriano Bashar al Assad (sam@alshahba.com) e da quella della moglie (ak@alshahba.com) che danno una rappresentazione precisa di come il dittatore siriano vede la situazione.
Ma la fonte è tutt'altro che garantita: un gruppo di "attivisti per i diritti umani" (come vengono definiti abitualmente) avrebbe hackerato le due caselle di posta elettronica e avrebbe passato al Guardian il loro contenuto. E a garanzia il Guardian sostiene che la cache contiene foto e video di famiglia, nonchè una scannerizzazione del documento di identità personale di Assad. Passi per le foto e i video, c'è chi usa la posta elettronica per mandarli. Ma che un dittatore scannerizzi la propria carta di identità... Infatti il quotidiano inglese si premura di specificare che "qualche " e-mail potrebbe essere falsa.
Il contenuto è altamente denigratorio per Assad e per l'Iran. Il primo perchè risulta essere una persona che non nutre alcun interesse per la popolazione e per le spese notevoli fatte per oggetti di lusso. Come quando Asma Assad, moglie di Bashar, ordina da un designer di Parigi quattro collane: diamanti gialli, ametista, onice nero, ecc.
Il secondo perchè nelle e-mail risulta che avrebbe aiutato il presidente siriano a reprimere le rivolte. Un aiuto che però si sarebbe espletato solo in qualche consiglio dato dal consulente politico dell'ambasciatore iraniano al consulente per le comunicazioni di Assad. E c'è anche una e-mail, in cui l'emiro del Qatar offre al presidente siriano la possibilità di asilo politico, in caso di dimissioni dal suo ruolo per non essere un "leader violentemente aggredito".
Non manca la nota di colore: un Bashar che, con un account falso registrato a New York, scarica da iTunes canzoni di Blake Sheldon (un cantante country), dei New Order e dei Lmfao.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©