Dal mondo / Medioriente

Commenta Stampa

Gli altri membri della troupe stanno bene

Siria, ucciso il cameraman rapito venerdì scorso


Siria, ucciso il cameraman rapito venerdì scorso
13/08/2012, 17:53

SIRIA –  È stato ucciso Hatem Abu Yahiya,i l cameraman rapito venerdì scorso dai ribelli insieme ad altri membri della troupe. A rendere nota la notizia, uno dei due canali della tv di Stato, al Ikhbariya (Syria News) che fa sapere che gli altri membri della troupe, tra cui la giornalista Yara Saleh, stanno bene. In precedenza la giornalista Saleh, lo stesso Abu Yahiya e il fonico erano apparsi in un video amatoriale girato dai ribelli anti-regime in cui affermavano di stare bene ma di essere esposti ai “bombardamenti indiscriminati” delle forze governative ad al Tal, sobborgo a nord di Damasco dove sarebbero stati detenuti. “Li trattiamo come meglio possiamo e sono nostri ospiti, non sono stati rapiti”, aveva affermato un ufficiale che parlava in piedi mentre sulla sua destra sono seduti su un divano la Saleh, il cameraman e il fonico.
Ma per i ribelli non finisce qui. Infatti, l’agenzia di Stato siriana, fa sapere che un caccia dell'aeronautica militare siriana è precipitato nell'est del Paese durante un'esercitazione, precisando che l'incidente è stato causato da un “guasto tecnico” e sono in corso le ricerche del pilota, lanciatosi col paracadute. I ribelli siriani affermano invece di aver catturato il pilota e che il caccia è stato abbattuto dalla loro contraerea.

Commenta Stampa
di Erika Noschese
Riproduzione riservata ©