Dal mondo / Medioriente

Commenta Stampa

Qatar e Turchia hanno garantito per l'alleanza

Siria: Usa appoggiano ufficialmente la lega "anti-Assad"

Già chiesto il riconoscimento internazionale alla lega

Nella foto Suhair al-Atassi, vicepresidente della Coalizione
Nella foto Suhair al-Atassi, vicepresidente della Coalizione
12/11/2012, 09:57

DAMASCO (SIRIA) - Adesso la presenza di Usa, Turchia e Qatar dietro la guerra scatenata in Siria è stata ufficializzata. Infatti sono questi tre Paesi che hanno premuto ed ottenuto la creazione di una "Coalizione nazionale siriana delle forze dell'opposizione e della rivoluzione", che raduni tutte le forze anti-Assad. A capo un religioso, l'ex imam Ahmad Moaz al-Khatib; i suoi vice saranno Riad Seif, imprenditore e forte sostenitore dell'intervento Usa in Siria, e Suhair al-Atassi, considerata una attivista per i diritti umani e delle donne. Altra figura di spicco, che ha firmato l'accordo, è Georges Sabra, responsabile del "Consiglio nazionale siriano", altro componente importante della coalizione. 
 Il primo ministro del Qatar, lo sceicco Hamad bin Jassem Al-Thani, ha guià chiesto il riconoscimento della Coalizione come unico rappresentante dello Stato siriano; primo passo per la creazione di un governo che possa richiedere ufficialmente l'intervento militare dei Paesi confinanti (la Turchia in primis) contro l'esercito di Assad, che si è dimostrato troppo ostico per l'esercito di mercenari che finora Usa, Qatar e Turchia avevano organizzato (i primi), finanziato (i secondi) ed infiltrato in territorio siriano (i terzi) per rovesciare il governo siriano come era stato fatto in Libia. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©