Dal mondo / America

Commenta Stampa

Williamson non aveva nessuna intenzione di ritrattare

Sollevato dall'incarico il vescovo negazionista


Sollevato dall'incarico il vescovo negazionista
09/02/2009, 19:02

Cattive notizie per Richard Williamson. Il vescovo lefebvriano che ha negato l’olocausto è stato sostituito alla guida del seminario che dirige dal 2003 a La Reja, una cinquantina di chilometri dal centro di Buenos Aires. A rendere noto il provvedimento è stato padre Christian Bouchacourt, responsabile per l’America Latina della Fraternità San Pio X, alla quale appartiene Williamson, che ormai da anni vive in Argentina, dove i lefebvriani sono più presenti. Un vescovo cattolico, ha comunicato Bouchacourt, può parlare “con autorità ecclesiastica” solo su materie riguardanti “la fede e la morale”, precisando che le affermazioni di Williamson “non riflettono in modo alcuno la posizione” della congregazione.

Da diversi giorni la Chiesa argentina aveva ripetutamente puntualizzato di “non avere alcun contatto o vincolo” con i lefebvriani residenti a Buenos Aires; Williamson era tornato sotto i riflettori qualche giorno fa, dopo che il Papa gli aveva chiesto una ritrattazione.

In una intervista inviata via fax a Der Spiegel, Williamson aveva fatto tutto fuorchè ritrattare. Aveva infatti affermato di essere pronto a ravvedersi “solo quando troverò prove” sull’Olocausto, “fatto per il quale ci vorrà tempo”.

Commenta Stampa
di Nico Falco
Riproduzione riservata ©