Dal mondo / Africa

Commenta Stampa

Il kamikaze apparteneva al gruppo insurrezionale Al-Shabaab

Somalia: dopo gli attacchi di stanotte, un attentato suicida

Colpita la città di confine con l'Etiopia, Beledweyne

Somalia: dopo gli attacchi di stanotte, un attentato suicida
24/01/2012, 15:01

MOGADISCIO – Continuano le incursioni del gruppo insurrezionale islamico di origine somala Al-Shabaab. Stanotte ci sono stati combattimenti in alcuni quartieri della capitale della Somalia. Gli estremisti hanno lanciato bombe e fatto esplodere colpi di arma da fuoco contro le basi militari delle forze del governo federale di transizione e dell’Amiso (African union mission in Somalia). Gli scontri hanno causato decine di vittime tra i militari e gli estremisti, ma anche alcuni civili sarebbero stati uccisi.
Oggi il gruppo insurrezionale ha colpito Beledweyne, città somala al confine con l’Etiopia. Un kamizake è entrato in azione a pochi metri da una base militare etiopica. Prima di raggiungere il cancello, gli uomini della sicurezza hanno iniziato a sparare contro il veicolo, un minibus carico di esplosivo. Il kamikaze è riuscito a farsi esplodere e nell’attentato sono morti anche alcuni soldati etiopi. “È stata un’esplosione molto forte che ha scosso gli edifici in molte parti della città” ha dichiarato Abdulkadir Isak, uno dei testimoni.
Al-Shabaab ha subito rivendicato l’attentato e ha fatto sapere di aver rafforzato le posizioni intorno alla città di Beledweyne, crocevia strategico per il rifornimento di armi e di beni di prima necessità, oltre che importante via di comunicazione con il sud del paese e la capitale Mogadiscio.

Commenta Stampa
di Emanuele De Lucia
Riproduzione riservata ©