Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

SOMALIA, I NUMERI DELLA FUGA


SOMALIA, I NUMERI DELLA FUGA
07/10/2008, 21:10

Piogge torrenziali e forti venti hanno colpito una serie di accampamenti in cui vivono centinaia di migliaia di sfollati interni somali tra Mogadiscio e Afgooye, distruggendo i rifugi provvisori e lasciando molte persone di nuovo senza un alloggio.
Molte persone sono di nuovo senzatetto, anche se non ci sono stime precise. Circa 300.000 sfollati vivevano in fragili rifugi temporanei lungo il corridoio di Afgooye, a ovest di Mogadiscio. La maggior parte di loro è fuggita dalla capitale durante gli scontri nel 2007 e all’inizio di quest’anno. Più di 40.000 hanno ricevuto l’assistenza dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR).
Le stime iniziali indicano che le piogge e il vento hanno colpito principalmente i campi per gli sfollati interni nel distretto di Kurtunwarrey, vicino ad Afgooye, e nel distretto di Marka, vicino a Mogadiscio.
Le inondazioni improvvise e violente stanno peggiorando la situazione già di per sé drammatica nella Somalia sconvolta dalla guerra, dove un milione di persone sono già sfollate. Circa 700.000 persone sono fuggite da Mogadiscio solo durante lo scorso anno. Dall’inizio di quest’anno altre 170.000 persone sono state costrette ad abbandonare la capitale somala, 35.000 solo nelle ultime settimane. La gente fugge costantemente dagli scontri, descritti come i peggiori dall’inizio dell’ultima insurrezione nel febbraio del 2007.



Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©
LE ALTRE FOTO.
Fredrik Chopin, nato in Polonia, a Zelazowa Wola e morto a Parigi.
Marlene Dietrich, nata a Shoneberg, in Germania e morta a Parigi.
Thabo Mbeki, attuale Presidente del Sudafrica, rientrato dopo aver trascorso 28 anni di esilio nel Regno Unito.
Milan Kundera, scrittore. Partecipò al movimento La Primavera di Praga e per questo gli fu tolta la cittadinanza cecoslovacca. Si rifugiò in Francia, dove ancora oggi vive.
Isabel Allende. Dopo il colpo di stato di Pinochet dell'11 settembre 1973, lascia il Cile e si trasferisce a Caracas, in Venezuela.
Vaira Frike-Freiberga, figlia di profughi lettoni, è ritornata in Lettonia nel 1998 ed è stata eletta Presidente della Repubblica lettone nel 1999 e nel 2003.