Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

L'accusa era di malversazioni e frode fiscale

Spagna: assolta la sorella del re Felipe, condannato il cognato


L'Infanta di Spagna e il marito.
L'Infanta di Spagna e il marito.
17/02/2017, 17:34

PALMA DE MAIORCA (SPAGNA) - I giudici del Tribunale di Palma de Maiorca hanno assolto dall'accusa di frode fiscale l'infanta Cristina di Borbone, sorella del re di Spagna Felipe; mentre ha condannato il marito Inaki Urdangarin è stato condannato a 6 anni e tre mesi (il Pm ne aveva chiesti 19 e mezzo, oltre alla condanna della moglie). L'accusa era di malversazione di fondi pubblici e frode. 

La vicenda è conosciuta in Spagna come "caso Noos". Nel 2005 un deputato socialista denunciò alcune stranezze economiche nella gestione dell'ente caritatevole gestito dall'infanta di Spagna. Indagando, si era scoperto che c'era un accordo tra il governo dell'isola e Urdangarin: venivano stanziati soldi alla società di Urdangarin e del suo socio Diego Torres in cambio di attività per promuovere il turismo nell'isola. Ma le attività da promuovere non venivano mai realmente realizzate. In questa maniera i due avrebbero incassato 6 milioni di euro di soldi pubblici indebitamente. Anche Diego Torres è tra i 17 imputati ed è stato quello che ha avuto la condanna più pesante: 8 anni e sei mesi. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©

Correlati