Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

Cortei pacifici tra Madrid e Barcellona

Spagna, gli indignados in rivolta contro la crisi economica

Tasso di disoccupazione record: 21.29%

Spagna, gli indignados in rivolta contro la crisi economica
20/06/2011, 12:06

MADRID - Gli “indignado” spagnoli sono scesi nuovamente nelle principali piazze del Paese per protestare contro disoccupazione e crisi economica. “Noi la crisi non la paghiamo” : è questo lo slogan che si erge dai cortei che hanno invase le strade della penisola iberica, tutti uniti, giovani ed adulti, per far sentire la voce di un popolo stanco ed indignato. Nella capitale, decine di migliaia di persone provenienti da tutti i quartieri, sono confluite pacificamente verso Plaza de Neptuno, vicino al Parlamento.  "La politica dell'unione europea - dice un manifestante - è chiara: si vogliono trasformare dei diritti fondamentali come la sanità e la scuola in dei semplici servizi".
Il patto di stabilità della zona euro e le misure di austerità previste dal governo socialista, sono state prese di mira dai manifestanti. I politici vengono accusati di non ascoltare i cittadini, non preoccupandosi della disoccupazione che in Spagna ha toccato il tasso record di 21,29%. A Barcellona, gli indignados scesi in strada sono più di 50.000. Il corteo a sfilato a Plaza de Palau, nei pressi del parlamento catalano.

Commenta Stampa
di Carmen Cadalt
Riproduzione riservata ©