Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

Spagna: i vescovi contro i parlamentari, "non approvate la legge sull'aborto"


Spagna: i vescovi contro i parlamentari, 'non approvate la legge sull'aborto'
19/06/2009, 09:06

I vescovi spagnoli sono in allarme. Nonostante le loro continue ma discrete interferenze, è in dirittura di arrivo presso il Parlamento spagnolo una legge che consente di abortire anche a ragazze di 16 anni, purchè la scelta avvenga entro le 14 settimane dal concepimento. E allora sono usciti allo scoperto, portando in pubblico la loro interferenza con la politica interna della Spagna: "I parlamentari cattolici non devono votare la legge sull'aborto. Nessun cattolico coerente con la sua fede potra' approvarlo o dargli il suo voto".
Purtroppo per loro non hanno considerato che non stanno in Italia, dove c'è un governo tanto debole che accontenta ogni capriccio del Vaticano. Quindi è probabile che alla fine la legge verrà approvata, come è giusto che sia. Raramente una ragazza di 16 anni rimane incinta volontariamente. E un aborto, per quanto traumatico psicologicamente, lo è sempre meno che avere un figlio non voluto e quindi non amato.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©