Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

Arrestati i colpevoli, ma sarebbero solo i sicari

Spagna: la star del volley torturata prima di essere uccisa


La pallavolista Visser quando giocava
La pallavolista Visser quando giocava
29/05/2013, 09:14

MURCIA (SPAGNA) - Si scoprono particolari agghiaccianti, a proposito della morte della 37enne Ingrid Visser, campionessa olandese di pallavolo, e del suo compagno di 57 anni Lodewijk Severin, assassinati durante un breve soggiorno a Murcia, in Spagna. 
Innanzitutto, la loro morte non è stata certo piacevole: i corpi dei due mostrano segni di prolungate torture, probabilmente almeno due giorni. Ed è stato proprio l'eccesso di paura e di dolore che li ha uccisi, facendogli fermare il cuore. Dopo di che, i due assassini li hanno fatti a pezzi con una motosega, seppellendoli sotto un sottile strato di terra. In particolare, è stato accertato che le teste sono state seppellite a breve distanza dai corpi.
Si è scoperto anche, durante l'autopsia, che la Visser era incinta di 6 settimane.
Restano invece ignoti i motivi di questo duplice omicidio così efferato. I colpevoli sono stati arrestati e si tratta di due rumeni, ma probabilmente sono solo dei sicari assoldati per l'occasione. SI battono diverse piste, compresa quella di un forte debito, contratto con le persone sbagliate, dalla pallavolista o dal suo compagno. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©