Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

Fa parte del diktat elaborato dall'Ecofin

Spagna: taglio degli stipendi pubblici del 5%


Spagna: taglio degli stipendi pubblici del 5%
12/05/2010, 13:05

MADRID (SPAGNA) - Chissà se Berlusconi si prenderà il merito anche di questa misura, stabilita durante la riunione dell'Ecofin di domenica scorsa ed annunciata oggi dal premier spagnolo Jose Luis Rodriguez Zapatero: gli stipendi dei dipendenti pubblici verranno tagliati del 5% nel 2010 e congelati nel 2011. Il taglio colpirà in maniera differente i vari livelli di reddito, con tagli più profondi per i salari più alti. Per esempio il governo ridurrà i propri salari del 15%. E' stato anche cancellato l'assegno di 2500 euro che spetta ad ogni coppia che ha un figlio; decurtati anche 600 milioni di euro dal fondo per gli aiuti allo sviluppo e 6 miliardi per infrastrutture tra il 2010 e il 2011. Invece Regioni ed altri enti locali dovranno contribuire, con tagli per un totale di 1,2 miliardi di euro nel solo 2010. L'obiettivo di queste misure sarà ridurre il deficit dall'11,4%, che la Spagna ha registrato nel 2009 al 9,3% nel 2010 e al 6,5% nel 2011.
SI tratta di un impegno che la Spagna ha preso domenica scorsa all'Ecofin, quando è stata decisa la creazione del fondo di sicurezza da oltre 700 miliardi di euro. La Borsa ha preso bene l'annuncio, salendo si oltre 2 punti percentuali, dopo avere iniziato in calo di quasi il 2%. Tuttavia bisognerà vedere quanto saranno utili queste misure che ha già una disoccupazione di quasi il 20%.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©