Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

Disastroso sisma nella penisola iberica

Spagna, terremoto causa 8 vittime e centinaia di sfollati

L'epicentro nella zona di Lorca, Mursia


Spagna, terremoto causa 8 vittime e centinaia di sfollati
12/05/2011, 10:05

MURSIA - E' stata una notte d’ansia e panico quella appena trascorsa in Spagna, a causa di un disastroso terremoto che ha colpito il Sud-est della penisola Iberica. Sono 8 le vittime accertate, 150 i feriti e 10.000 evacuati. La terra ha iniziato a tremare a Lorica, nella regione di Murcia, alle 17.05. Meno di due ore dopo una seconda scossa, più forte, alle 17.47, di magnitudo 5.3. L’epicentro è stato localizzato proprio nella zona di Lorca, qui il sisma ha provocato crolli e distruzione d’edifici storici. La gente si è subito riversata in strada per timore di nuove repliche. Almeno 20.000 hanno preferito restare in aeroporto. Nelle stesse ore, 350 uomini del battaglione dell’unità militare d’emergenza di Valnecia, sono stati inviati dal governo spagnolo per sostenere la situazione delle zone colpite dal sisma. Secondo la Farnesina, non ci sarebbero italiani coinvolti. In tutto il paese, intanto, c’è una situazione di caos. Sono state ricoverate 400 persone in due strutture ospedaliere con 350 ambulanze mobilitate per i soccorsi, mentre è stato deciso lo sgombero dell’ospedale Rafael Mendez, che avrebbe sofferto di danni alla struttura dal sisma. Il ministero dell’interno ha disposto altri 400 membri per far fronte ai soccorsi.Durante tutta la nottata, i residenti sono stati fatti evacuare, altri crolli di tetti, pareti e mura pericolanti. Il ministro dell’interno di Madrid ha parlato di danni materiali enormi. Un terremoto di tale entità è considerato atipico nella zona sud-est della Spagna. E’ stato deciso, pertanto, dal premier socialista spagnolo Osé Lui Aptero e il leader dell'opposizione Mariano Rado, capo del Partilo Copula, di sospendere per oggi la campagna elettorale dei rispettivi partiti per le elezioni del 22 giugno.

Commenta Stampa
di Carmen Cadalt
Riproduzione riservata ©