Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

Città con buco 1 mld euro

Spazzini in sciopero, strade Jerez piene di rifiuti

Comune costretto ad apportare tagli alla municipalizzata

Spazzini in sciopero, strade Jerez piene di rifiuti
21/11/2012, 20:08

JEREZ DE LA FRONTERA (SPAGNA) - Un forte odore di immondizie si mescola a quello delle arance nelle strade di Jerez de la Frontera, in Andalusia, dove si sono accumulate montagne di rifiuti al ventesimo giorno di sciopero dei netturbini, con tanto di cassonetti incendiati e topi in festa. Nel centro della città di 210mila abitanti, celebre per il suo vino, l'aceto e le eleganti “bodegas”, solo qualche via adiacente ai palazzi storici che ospitano il comune è pulita. Dal 2 novembre, i dipendenti della municipalizzata incaricata di raccogliere l'immondizia, Urbaser, sono entrati in sciopero illimitato contro un piano che prevede 125 licenziamenti. Con un indebitamento di un miliardo di euro, il comune di Jerez, guidato dal maggio 2010 dai conservatori del Partito popolare dopo numerosi mandati socialisti, ha dovuto stringere la cinghia e ordinare diversi tagli. Tra questi, la riduzione del 20% (da 25 a 19 milioni di euro), del bilancio destinato alle aziende municipalizzate come Urbaser. 

Commenta Stampa
di Valerio Esca
Riproduzione riservata ©