Dal mondo / Asia

Commenta Stampa

Sri Lanka: ucciso il leader delle Tigri Tamil


Sri Lanka: ucciso il leader delle Tigri Tamil
18/05/2009, 09:05

Successo decisivo, da parte del governo dello Sri Lanka contro le Tigri Tamil: l'uccisione di Velupillai Prabhakaran, leader dell'organizzazione terroristica. L'uomo sarebbe stato ucciso all'interno dell'ambulanza nella quale si era rifugiato, per sfuggire all'accerchiamento fatto dall'esercito cingalese. Ma il mezzo è caduto in un agguato, e quindi è morto il leader delle Tigri, insieme all'autista e a due guardie del corpo. Contemporaneamente si è saputo che è stato ucciso anche Charles Anthony Prabhakaran, primo figlio di Velupillai e suo naturale successore. E molti altri esponenti di spicco, secondo quanto riferito dal Ministero della Difesa, hanno trovato la loro fine durante i combattimenti nel nord del Paese. In questa maniera appare evidente che ormai la battaglia dell'esercito regolare dovrebbe essere vinta, e c'è bisogno di fare solo operazioni di rastrellamento, per gli ultimi fuggitivi.
Nel frattempo, a Colombo, capitale dello Sri Lanka, c'è stata una tumultuosa manifestazione davanti all'Ambasciata britannica, in quanto l'Inghilterra è stato uno dei Paesi più critici verso i bombardamenti sui civili eseguiti dall'esercito nelle sue operazioni contro i tamil. Ci sono stati lanci di pietre contro la facciata dell'edificio, con la rottura di due finestre, e un pupazzo con l'effigie del Ministro degli Esteri David Millibrand è stato dato alle fiamme e poi gettato nel cortile dell'ambasciata.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©