Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

A causa del farmaco della Bayer, morte 4 donne

Stop vendita della pillola contraccettiva in Francia


Stop vendita della pillola contraccettiva in Francia
30/01/2013, 16:51

PARIGI - Mistero sul ritiro di un farmaco sospetto in Francia. La pillola incriminata è il contraccettivo Diane35 noto prodotto farmacologico sorto inizialmente per curare l’acne giovanile ed adottato, in seguito, dalle donne come anticoncezionale. E’ stata l'Agenzia nazionale della sicurezza dei farmaci ad imporre la sospensione entro tre mesi della vendita di Diane 35. Sembra che a far scattare l’allarme siano state le morti sospette di 4 donne dato, però, suscettibile di un largo margine di correzione. Secondo le ricerche effettuate, il farmaco provocherebbe un maggiore rischio di trombosi ed embolie polmonari. Il direttore generale dell'Ansm ha chiarito la sua decisione: “Dal 1987 sarebbero 125 i casi di decesso per trombosi venosa causata dall’utilizzo della pillola o dei suoi generici. Nello specifico in quattro casi l’insorgere della trombosi parrebbe essere stata causata senza ombra di dubbio dalla pillola in questione”, ha specificato Dominique Maraninchi . Mentre la Bayer, la casa produttrice delle pillole Diane 35, si difende dicendo che il rischio sarebbe stato segnalato anche dalle indicazioni e che il prodotto non doveva essere prescritto per altri casi diversi dall’acne, il direttore generale dell'Ansm consiglia: “La procedura di sospensione del farmaco durerà tre mesi .Le donne che assumono tale pillola non devono smettere di prenderla repentinamente. Tuttavia, sono invitate a consultare i loro medici di base che comunque non potranno più prescrivere Diane 35, in quanto gli stock saranno ritirati dal commercio”.  

Commenta Stampa
di Rosa Alvino
Riproduzione riservata ©