Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

Tragico bilancio di 19 morti, oltre 340 i feriti

Strage alla Love Parade, tra le vittime 21enne bresciana



Strage alla Love Parade, tra le vittime 21enne bresciana
25/07/2010, 14:07

DUISBURG – Si chiama Giulia Minola la 21enne morta ieri a Duisburg, mentre era in corso la Love Parade. La giovane era tra le persone rimaste bloccate e schiacciate dalla folla in un tunnel. In tutto, delle 19 vittime, quattro sono straniere; la ventunenne è l’unica italiana. La Farnesina aveva confermato la notizia dalla mattina, ma senza fornire le generalità.
Giulia Minoli, residente a Brescia, era in Germania con un’amica, sua compagna di studi al Politecnico di Milano, dove era iscritta a Moda e Design. Stava facendo un giro per l’Europa, iniziato venerdì scorso e che sarebbe dovuto durare una settimana. La sua amica, torinese, è rimasta ferita.
Non è ancora disponibile una lista ufficiale delle oltre 340 persone rimaste ferite. Le autorità di Duisburg hanno attivato una linea telefonica di emergenza per chi cerca notizie di familiari. Il numero da chiamare è 0049 203 94 000.
Uno “spirito libero”, di “umore pazzo”. Così si definiva Giulia sulla sua pagina MySpace, quella in cui compare anche una citazione dal film “Paura e delirio a Las Vegas”: “Too weird to live, too rare to die”, troppo strana per vivere, troppo rara per morire. Le foto che ha caricato la mostrano spesso insieme agli amici, alcune al concertone del Primo Maggio 2008 a piazza San Giovanni a Roma.

Sul suo profilo di Facebook si vedono i suoi interessi musicali: i Daft Punk, ma anche Gogol Bordello, Mia Martini, Alberto Camerini e The Chemical Brothers). Fra i suoi film preferiti, Alice nel paese delle meraviglie di Tim Burton, Fight Club e Arancia Meccanica. Poi ci sono quelle che parlano della sua passione, la moda. Ecco così i vari gruppi a cui risulta iscritta, come “Roba da Fashion Designer”, , Vivienne Westwood e H&M. Poi ci sono le pagine della Festa di Radio Onda d'urto, di scrittori come Hunter S. Thompson (suo il romanzo da cui e' tratto Paura e delirio a Las Vegas) e Bret Easton Ellis (l'autore di American Psycho e Meno di Zero), ma anche 'Roba da disneyani', 'L'Italiano non e' una malattia' e i profili di alcuni attori morti prematuramente come River Phoenix e Heath Ledger.
La salma di Giulia Minola, stando a quanto si è appreso, non verrà messa a disposizione dei familiari prima di martedì. La famiglia, attraverso una nota diffusa alla stampa, “chiede il silenzio e il rispetto del lutto”. Un’amica, uscendo dall’abitazione di via Luca Marenzio 7, parla di Giulia come “una ragazza bellissima, una ragazza tosta, molto seria”. La famiglia della giovane aveva cercato più volte di mettersi in contatto con lei, una volta appreso della tragedia del Love Parade, ma senza risultato. Poi, verso l’una di notte, la visita che ha fatto crollare le loro speranze: i carabinieri hanno suonato il campanello avvertendo che bisognava mettersi in contatto con la Germania per una comunicazione.

Commenta Stampa
di Nico Falco
Riproduzione riservata ©