Dal mondo / America

Commenta Stampa

12 morti: si cerca il movente.

Strage Washington: ucciso il killer dei Marines


Strage Washington: ucciso il killer dei Marines
17/09/2013, 09:46

WASHINGTON (Usa) - La polizia di Washington ha escluso che ci sia stato un secondo killer nella sparatoria degli uffici della marina di "Navy Yard" nella capitale americna, dove ieri sono morte 12 persone e 8 sono rimaste ferite. "Siamo sicuri che c'e' una sola persona responsabile per la perdita di vite nell'edificio". Lo ha dichiarato il capo della polizia della capitale Usa, Cathy Lanier. L'uomo ucciso dalla polizia si chiamava Aaron Alexis, un sub-contrattista afroamericano 34enne di Fort Worth, in Texas, che aveva servito nella Marina Militare dal 2007 al 2011, prima di lavorare per un'azienda contrattista di Hewlett Packard, che si occupa dell'aggiornamento della rete intrante della Marina e dei Marines americani. Le autorità locali hanno escluso la pista terroristica per i tragici fatti che hanno insanguinato le strade di Washington. Il capo della polizia, Cathy Lainer, e il sindaco di Washington, Vincent Gray, hanno precisato che al momento non c'è alcun elemnto per spiegare le ragioni del tragico gesto.

Commenta Stampa
di Armando Brianese
Riproduzione riservata ©