Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

A Bucarest protesta contro la tassa sulle fattucchiere

Streghe in rivolta, pozioni magiche contro il Governo


Streghe in rivolta, pozioni magiche contro il Governo
07/01/2011, 19:01

BUCAREST (ROMANIA) – Non basterà una pozione magica per farle retrocedere. Le streghe rumene sono agguerritissime. Eh sì, perché, nemmeno è iniziato il 2011 e già devono pensare al proprio futuro che, salvo “magie” dell’ultim’ora è già segnato.
Il Governo del paese ha infatti deciso che, per rimpinguare le casse in deficit dell’esecutivo, presto sarà applicata una tassa sulle fattucchiere. Stessa sorte per gli astrologi: ogni previsione costerà davvero molto caro anche a chi la fa. Pronta la protesta dei diretti interessati, che definiscono folle la proposta di legge a causa soprattutto degli scarsi guadagni derivanti da una delle professioni più antiche del Mondo.
A capo della protesta, Bratara Buzea che per chi non lo sapesse è la “regina” delle streghe locali, tanto nota da essere addirittura finita in manette durante il regime di Ceausescu. A lei è toccato il compito di creare una pozione salvifica a base di escrementi di cani e gatti morti: la “simpatica” miscela sarà gettata nelle acque del Danubio da lei e dalle sue colleghe mentre invocheranno il male sui governatori. “Vogliono portare il Paese fuori dalla crisi utilizzandoci?” - ha tuonato Bratara – “Sono loro che devono portarci fuori, perché loro l'hanno causata". E’ il caso di dirlo, proprio roba dell’altro Mondo.

Commenta Stampa
di Ornella d'Anna
Riproduzione riservata ©