Dal mondo / Africa

Commenta Stampa

Bagno di sangue a Marikana

Sudafrica: scontri minatori-polizia, 18 morti

La protesta va avanti da sei giorni

Sudafrica: scontri minatori-polizia, 18 morti
16/08/2012, 18:32

MARIKANA (SUDAFRICA) - Diciotto persone hanno perso la vita a Marikana, in Sudafrica. Si tratta di minatori che erano intenti a protestare contro le pessime retribuzioni pattuite. Dallo scorso venerdì si ripetevano disordini e scontri tra i manifestanti e le forze dell'ordine nella città del Nord-ovest del Sudafrica, che avevano già portato alla morte di nove persone, tra cui due poliziotti. Ma la situazione è letteralmente degenerata nel corso della giornata odierna. La polizia, secondo il racconto di alcuni testimoni, ha aperto il fuoco sulle migliaia di manifestanti, finendo per uccidere ben diciotto persone. Lo scontro di sangue è avvenuto a circa una settantina di chilometri dalla capitale Johannesburg, lì dove sorge la miniera della Lonmin, terzo produttore di platino del Mondo, dove però ora sono stati imposti salari bassissimi (circa 400 euro al mese) e paventata la minaccia di licenziamento per tremila persone. 

 

 

Commenta Stampa
di Salvatore Formisano
Riproduzione riservata ©