Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

SUDAN, ARRESTATI 70 GIORNALISTI CHE PROTESTAVANO PER LA LIBERTA' DI STAMPA


SUDAN, ARRESTATI 70 GIORNALISTI CHE PROTESTAVANO PER LA LIBERTA' DI STAMPA
17/11/2008, 17:11

In Sudan la polizia ha arrestato un gruppo di una settantina di giornalisti, che protestavano davanti al parlamento contro la censura imposta ai media. Nonostante la libertà di espressione e di stampa sia ufficialmente garantita dai trattati di pace del 2005, che hanno posto fine alla guerra civile tra nord e sud, i giornali vengono vagliati dalle autorità governative che tagliano gli articoli non graditi- denunciano i giornalisti.
La protesta era incominciata già un mese fa, quando Murtada el-Ghali, direttore del quotidiano indipendente Ajras al-Hurriya, ha organizzato un sit-in di protesta durato tre giorni, seguito poi dallo sciopero di altri due giornali. Oggi però la polizia in tenuta antisommossa ha circondato i manifestanti e li ha obbligati a salire su alcuni cammion per trasportarli alla stazione di polizia di Omdurman, città gemella di Karthoum. Tra le persone fermate, 28 donne e 39 uomini, figurano numerosi commentatori, un direttore, i giornalisti di nove quotidiani e un attivista per il rispetto dei diritti umani. I professionisti hanno raccontato di essere stati privati del cellulare e dei soldi dagli agenti di polizia.
Quindici avvocati si sono già offerti di difendere i giornalisti e hanno già iniziato le pratiche per il loro rilascio, in attesa del processo. Per loro l'accusa è quella di aver violato le norme sull'ordine pubblico.
La campagna anticensura viene portata avanti insieme con il Movimento di liberazione del popolo sudanese (Splm) che fa parte anche della coalizione di governo.
 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©