Dal mondo / Africa

Commenta Stampa

Nell' ultimo anno, registrati 9000 casi di leishmaniosi

Sudan: la "Febbre Nera" provoca 260 morti


Sudan: la 'Febbre Nera' provoca 260 morti
12/11/2010, 17:11

NAIROBI – Duecentosessanta. A tanto ammonta il numero delle vittime nel Sud del Sudan, decedute a causa della leishmaniosi. Secondo quanto riportato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms), la maggior parte dei decessi riguarda bambini, anche molto piccoli, che hanno contratto la malattia in seguito a situazioni di cattiva nutrizione. Le regioni più colpite sono quelle di Jonglei dell'Alto Nilo, Ayoka e Fangak (Jonglei) dove si e' registrata la metà dei casi.
Nell’ultimo anno, in Sudan sono stati registrati 9000 casi di “Febbre Nera” ma i dati, dicono i responsabili dell’Oms, sono destinati ad aumentare ulteriormente nei prossimi mesi.
La leishmaniosi è un ‘infezione trasmessa da un insetto che si riproduce in ambiente umido: non a caso, in Sudan la maggior parte dei casi si sono registrati in concomitanza con l’ avvio della stagione delle piogge. Se non curata adeguatamente, inoltre, essa porta alla morte il 90% delle volte.

Commenta Stampa
di Ornella d'Anna
Riproduzione riservata ©