Dal mondo / Asia

Commenta Stampa

Ribelli invitano a non dare soccorso all'ex dittatore

Sulle tracce di Gheddafi: Nascosto nel deserto della Libia

L'ex dittatore richiama i fedeli alla guerriglia

Sulle tracce di Gheddafi: Nascosto nel deserto della Libia
02/09/2011, 19:09

 Ancora scontri in Libia, feriti , e guerriglie ma di Muammar Gheddafi neanche l’ombra.
Fonti recenti comunicano la presenza del leader della tribù di Bani Walid, in qualche zona del deserto Libico e con lui anche due dei suoi figli. Sembrerebbe che Gheddafi possa ancora contare sull’appoggio di alcune popolazioni rimastigli fedeli e che sia proprio grazie a queste ultime che il leader stia riuscendo a spostarsi e trovare riparo.
La tribù, presso la quale si pensa che l’ex dittatore sia rifugiato è quella di di Bani Walid. Sarebbe stata proprio presso questa che, i leader della stessa si sarebbero riuniti per discutere dell’appello lanciato dai ribelli e che inviterebbe a non prestare in nessun modo assistenza a Gheddafi.
Il capo di un’altra tribù, Abdallah Kenchil fa sapere: “Abbiamo conferme che il tiranno e i suoi figli, in particolare Saif, sono a Bani Walid .Saif ha parlato da qui mercoledì scorso, dicendo di essere a Tripoli. Gheddafi potrebbe essere diretto a sud, per uscire dalla Libia e raggiungere altri Paesi nel deserto meridionale”.
Altre fonti comunicano che Gheddafi avrebbe telefonato al presidente algerino dalla città di Ghadames nel giorno in cui la propria famiglia oltrepassava il confine, e lo avrebbe fatto per chiedere ospitalità. Bouteflika, comunicano le stesse fonti, non avrebbe risposto alla chiamata.
Nulla può essere dato per certo ma i ribelli restano nei presi di Bani Walid e continuano a controllare la città costiera di Sirte, al momento sotto il controllo delle forze lealiste.
In vista dell’appello trasmesso da una televisione satellitare, in cui Geddafi invita i suoi fedeli alla guerriglia e alla difesa di porti e pozzi petroliferi, le truppe ribelli non abbassano la guardia e si preparano a quello che potrebbe essere lo scontro decisivo.

Commenta Stampa
di Alessia Tritone
Riproduzione riservata ©