Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

Verranno rimosse anche le misure cautelari in corso

Svizzera: no all'estradizione del regista Roman Polanski


Svizzera: no all'estradizione del regista Roman Polanski
12/07/2010, 15:07

BERNA - Roman Polanski non sarà estradato negli Stati Uniti e riacquisterà presto la sua libertà, dopo 10 mesi di custodia cautelare in Svizzera. L'ha annunciato il Ministro della giustizia svizzero, Eveline Widmer-Schlump, spiegando che "nemmeno dopo intensi accertamenti è stato possibile escludere con la necessaria certezza la presenza di un vizio nella domanda di estradizione statunitense. Gli Stati Uniti non possono contestare la nostra decisione".
Sul regista pende una richiesta di arresto del Tribunale di Los Angeles dal 1977, anno in cui ebbe rapporti sessuali con l'allora 13enne Samantha Gailey. Venne accusato di violenza sessuale, circostanza comunque negata dalla vittima, che affermò che il rapporto era stato consensuale, anche se comunque illecito per la legge. Da allora Polanski non è più potuto rientrare negli Usa, ma ha circolato all'estero tranquillamente, tanto da essersi comprato anche una casa in Svizzera a Gstaad. Poi improvvisamente, nell'ottobre dell'anno scorso, appena disceso dall'aereo in Svizzera, Polanski è stato arrestato dalla polizia elvetica e tenuto in prigione fino al 24 novembre, data in cui gli sono stati concessi gli arresti domiciliari, in cambio di una cauzione di 4,5 milioni di franchi svizzeri.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©