Dal mondo / Asia

Commenta Stampa

Taiwan: ergastolo per l'ex presidente Chen


Taiwan: ergastolo per l'ex presidente Chen
11/09/2009, 13:09

L'ex presidente di Taiwan Chen Shuibian è stato condannato all'ergastolo, per avere accettato bustarelle per favorire alcuni imprenditori e di essersi appropriato di 104 milioni di dollari taiwanesi (2 milioni di euro) da un fondo presidenziale. Chen aveva proclamato la propria innocenza, sostenendo che i soldi che venivano considerati bustarelle erano fondi elettorali (a Taiwan sono leciti i finanziamenti privati, per le elezioni) e che le spese considerate come appropriazione sono quelle fatte durante i suoi viaggi all'estero, dove rappresentava il Paese.
In realtà - cosa denunciata anche da Chen e da osservatori internazionali presenti al processo - ha avuto tutta l'aria di un processo politico. Infatti Chen è stato presidente di Taiwan dal 2000 al 2008 ed ha mostrato una netta indipendenza dalla Cina, che considera l'isola come una propria provincia. D'altronde ora è andato al potere il Kuomitang, il Partito Nazionalista, fortemente legato al governo cinese; e questa potrebbe essere una prima "lezione" data a chiunque non accetti la supremazia cinese sull'isola.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©