Dal mondo / Medioriente

Commenta Stampa

Teheran, la giornalista Roxana Saberi condannata a 8 anni per spionaggio


Teheran, la giornalista Roxana Saberi condannata a 8 anni per spionaggio
19/04/2009, 13:04

Continua a far discutere la vicenda della giornalista irano-americana Roxana Saberi, condannata ad 8 anni di reclusione perché giudicata colpevole di essere una spia Usa dal tribunale di Teheran a conclusione di un processo lampo. E’ bastata una sola giornata ai giudici del tribunale rivoluzionario per emettere la sentenza di colpevolezza nei confronti della giornalista 31enne, detenuta nella capitale iraniana dalla fine di gennaio. Il padre della donna, Reza Saberi, difende l'innocenza della figlia e ha spiegato come l'ammissione di colpa da parte di quest'ultima sia stata estorta in cambio dell'offerta, non mantenuta, della liberazione. “Roxana ci ha detto che la sua confessione è frutto di una intimidazione e della falsa promessa di libertà in cambio della sua cooperazione. E' stata ingannata durante gli interrogatori.” L’episodio rischia di compromettere i rapporti Usa-Iran, dopo i segnali di distensione raggiunti con la conferenza dell'Aja sull'Afghanistan e le tiepide aperture da parte del regime iraniano. Il segretario di Stato americano Hillary Clinton, tramite una lettera consegnata alla diplomazia iraniana proprio durante la riunione dell'Aja, aveva chiesto la liberazione di tre americani detenuti in Iran, tra cui la giornalista Saberi. Il portavoce della diplomazia iraniana Hassan Ghashghavi aveva smentito l'incontro e la presunta consegna della lettera.
 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©