Dal mondo / Medioriente

Commenta Stampa

E' il primo contatto diretto dal 1979

Telefonata storica tra Obama e il presidente iraniano Rohani


Telefonata storica tra Obama e il presidente iraniano Rohani
28/09/2013, 11:28

TEHERAN (IRAN) - Era dal 1979, anno in cui gli itaniani sequestrarono coloro che erano nella ambasciata americana a Teheran e gli statunitensi mandarono i propri soldati, nel disperato (e fortunatamente fallito) tentativo di liberarli, che non c'era un contatto diretto tra il governo statunitense e quello iraniano. Persino a livello diplomatico, c'è solo una delegazione Usa nell'ambasciata svizzera a Teheran. 
Ma oggi c'è stata una telefonata tra il Presidente statunitense Barack Obama e quello iraniano Hassan Rohani. telefonata descritta come "cordiale", anche se Obama ha insistito che l'Iran sul nucleare deve fare "azioni significative, verificabili e trasparenti che potrebbero portare ad un alleggerimento delle sanzioni". 
Alla fine Rohani ha salutato Obama con un "Have a nice gay" (buona giornata)  e il presidente americano ha risposto con "Thank you, Kodhahfez" (Grazie, che Dio sia il tuo custode). L'ultima parola è in farsi, la lingua iraniana, ed è una abituale parola di commiato alla fine delle conversazioni. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©