Dal mondo / Medioriente

Commenta Stampa

Il leader israeliano: "Grave errore metterci alla prova"

Tensioni a Gaza, Netanyahu avverte: Hamas non deve sfidarci


Tensioni a Gaza, Netanyahu avverte: Hamas non deve sfidarci
11/01/2011, 21:01

Un duro monito, un avvertimento che ha il sapore di un aut-aut. Israele non è più disposta a tollerare la minaccia terroristica dei fondamentalisti: "Hamas farebbe un terribile, terribile errore a mettere alla prova la nostra determinazione a difendere la sicurezza del popolo israeliano". Il premier d'Israele, Benyamin Netanyahu, non le manda di certo a dire al movimento islamico-radicale: Hamas, al potere nella Striscia, artefice degli ultimi episodi di nuova escalation della tensione al confine con l'enclave palestinese, potrebbe avere le ore contate. Netanyahu, incalzato sull'argomento durante un incontro con la stampa estera, non è comunque entrato nel dettaglio delle possibili conseguenze di ulteriori scontri. Mentre ha negato con forza che la Striscia sia oggi "sotto assedio". "Il mio governo ha tolto tutte le restrizioni dl passaggio (via terra) di merci, armi escluse", ha sostenuto, negando l'intenzione di strangolare l'economia di Gaza, il cui trend - a suo dire - sta facendo anzi registrare negli ultimi mesi «un formidabile tasso di crescita, superiore anche a quello dei territori (Cisgiordania) dell'Autorità nazionale palestinese" del presidente moderato Abu Mazen.

Commenta Stampa
di Davide Gambardella
Riproduzione riservata ©