Dal mondo / Estremo Oriente

Commenta Stampa

Epicentro 2 km a nordest di Catigbia

Terremoto Filippine, sale a 73 morti il bilancio vittime

Le autorità hanno escluso il rischio di tsunami

Terremoto Filippine, sale a 73 morti il bilancio vittime
15/10/2013, 14:48

MANILA – Un forte terremoto che si è verificato nelle Filippine ha provocato almeno 20 vittime. La scossa  (con magnitudo pari a 7,2 gradi - scala Richter) ha avuto come epicentro  l'isola  di Bohol, nel centro del Paese. A causa del terremoto, che ha causato anche una trentina di feriti, sono rimasti danneggiati vari edifici storici, tra cui la chiesa di Baclayon, a Bohol, una delle più antiche delle Filippine, e la Basilica del Santo Bambino, nella città di Cebu, la seconda città più importante del Paese, situata circa 40 km a nord di Bohol. Secondo la protezione civile locale, nelle ore successive al sisma si sono registrate almeno 110 scosse di assestamento, tutte intorno ai 2 gradi di intensità, ma una di 5,4. Le autorità hanno comunque escluso il rischio di tsunami.

(AGGIORNAMENTO ORE 14:45) - Sale ad almeno 73 morti il bilancio del violento terremoto che ha colpito stamani le Filippine.  Almeno 57 persone sono rimaste uccise sull'isola di Bohol, la più vicina all'epicentro del sisma di magnitudo 7.1. Altri 16 morti si registrano a Cebu e Siquijor, annuncia la polizia.  Secondo i rilevamenti dell'Usgs, il sisma è stato alle 8:12 ora locale (le 2:12 in Italia) e ha avuto ipocentro a 20 km di profondità ed epicentro (contrariamente a qaunto riferito in precedenza)  2 km a nordest di Catigbia.

Commenta Stampa
di Rosario Scavetta
Riproduzione riservata ©