Dal mondo / America

Commenta Stampa

Scossa di magnitudo 7.7 nell'ovest del Canada

Terremoto in Canada, scampato il pericolo tsunami

Al momento non si registrano danni, allerta per maremoti

Terremoto in Canada, scampato il pericolo tsunami
28/10/2012, 16:40

16:40: AGGIORNAMENTO - E' stato revocato l'allarme tsunami scattato alle isole Hawaii dopo il sisma di magnitudo 7.7 che ha scosso la costa occidentale del Canada. L'allarme era stato diramato in serata con il suono delle sirene durato per due ore. Nella capitale, Honolulu, sono circa 80mila le persone che vivono vicino alla costa. La loro fuga verso l'interno dell'isola di Oahu ha provocato caos nel traffico automobilistico. Il sisma si e' verificato nell'arcipelago canadese di Haida Gwaii, 200 chilometri a sud ovest della citta' mineraria canadese di Prince Rupert, nella provincia della Columbia Britannica. Non si ha notizia di danni o vittime. 

10:20: AGGIORNAMENTO -
Una prima onda anomala ha colpito le Hawaii: a Makapuu, la spiaggia all'estremo est di Ohau, l'isola della capitale Honolulu, una prima onda ha raggiunto una altezza trentina di centimetri, e dopo si è ritirata per circa un metro. Lo ha detto alla Hawaii News Now in diretta da Honolulu uno degli esperti del Pacific Tsunami Warning Center, Gerard Fryer.

08:53 La terra trema anche nella parte nord del continente Americano, dopo lo sciame sismico che ha interessato la calabria nei giorni scorsi, questa notte una forte scossa di terremoto, con magnitudo 7.7 è stata registrata alle 20:04 ora locale (le 4:04 in Italia) nell' ovest del Canada, sull'isola Haida Gwaii di interesse nella regione canadese Columbia Britannica.

Secondo i primi rilievi del Servizio geologico degli Stati Uniti (Usgs), il violento sisma ha avuto ipocentro a 9,9 km di profondità ed epicentro 139 km a sud di Masset. La prima scossa è stata seguita da una seconda di assestamento di magnitudo 5.8.

La popolazione, presa dal panico e terrorizzata dalle forti scosse, è stata invitata dalle autorità ad allontanarsi dalle zone costiere e a dirigersi velocemente nell'entroterra per il pericolo di inondazioni accompagnate da forti correnti dovete ad un possibile tzunami in arrivo.

Allerta tsunami cheè stata subito confermata per la British Columbia e le Hawaii, infatti il Centro allerta tsunami del Pacifico (Ptwc) ha lanciato l'allerta tsunami anche per le isole Hawaii, in seguito al violento sisma di magnitudo 7.7 che ha colpito la costa ovest del Canada. Il Ptcw nel suo ultimo bollettino, scrive che "si è generato uno tsunami che potrebbe causare danni lungo le coste di tutte le isole delle Hawaii". L'onda anomala potrebbe verificarsi a partire dalla 22:28 di sabato sera, le 09:28 ora italiana.

Dopo che le sirene hanno iniziato ad 'urlare' in tutte le isole delle Hawaii a causa dell'allerta tsunami provocata da un forte terremoto in Canada, gli abitanti delle coste dell'arcipelago stanno evacuando le aree a rischio dirigendosi verso le aree collinose dell'entroterra. Secondo l'Honolulu Star Adviser online, il principale quotidiano locale, le prime onde anomale attese intorno alle 09:30 italiane (nelle Hawaii saranno circa le 22:30 di sabato), potrebbero raggiungere i 6 piedi, intorno ai 180 centimetri.

Secondo le autorità locali delle Hawaii, le aree più a rischio, sono le isole hawaiane di Hilo (su Big Island, sud dell'arcipelago), Kahului (su Maui), Haleiwa (su Oahu, dove si trova la capitale Honolulu) e Hanalei (su Kauai, a nord dell'arcipelago). Intanto, le autorità Usa hanno ridimensionato il primo allarme tsunami che riguardava il sud dell'Alaska e le Colombia britannica canadese, dopo il forte seisma che ha scosso l'area pacifica del Canada, con una magnitudo 7,7 sulla scala di Richter, nelle isole Queen Charlotte. Una piccola onda anomala è stata registrata a Craig, in Alaska, ma per fortuna è stata inferiore alle attese, l'onda è stata di circa 10 centimetri, e non ha provocato nessun danno a persone o cose.

Commenta Stampa
di Fabio Iacolare
Riproduzione riservata ©