Dal mondo / Giappone

Commenta Stampa

Il Sol levante devastato dal sisma

Terremoto in Giappone, oltre 700 le vittime


Terremoto in Giappone, oltre 700 le vittime
12/03/2011, 09:03

Tokyo - Si allunga il bilancio delle vittime del disastroso terremoto che ha colpito il Giappone. Un sisma incredibile che ha raggiunto la magnitudo di 8.9 con conseguente tsunami che ha devastato le coste. I media nipponici hanno aggiornato l’elenco delle vittime che ad un primo bilancio pare siano intorno a 700. Intanto nello scenario della catastrofe continuano a susseguirsi le scosse anche di una certa entità e sale anche l’incubo nucleare per la presenza sul territorio di diverse centrali. Infatti, dalle ultime voci che si rincorrono anche sulla stampa giapponese, sembra alta la probabilità che sia in corso una fusione in un reattore nucleare. Lo riferisce l'agenzia Kyodo, in relazione ai problemi dell'impianto di Fukushima.A questo proposito l'Agenzia giapponese sulla sicurezza nucleare ha rilevato cesio radioattivo in prossimità della centrale di Fukushima. La fusione vera e propria, a causa della terribile scossa sismica, potrebbe essere in corso e gli esperti stanno valutandone la portata e soprattutto la collocazione del reattore. Intanto fonti dell’intelligence nipponico riportano che al momento della scossa erano 11 i reattori funzionanti ed esattamente nelle prefetture di Miyagi, Ibaraki e Fukushima. Attualmente sono oltre 70mila le persone evacuate, a fronte di un Apocalisse come il Giappone non aveva mai visto. L'antenna Tokyo Tower, il simbolo della capitale nipponica si è piegata in due, mentre è rimasta in piedi la Tokyo Sky Tree, l'antenna tv alta oltre 600 metri e progettata per resistere a scosse di 7.9. La rete di telefonia cellulare è saltata e le comunicazioni telefoniche sono rimaste grazie alle linee fisse e alla connessione Internet. L’emergenza terremoto, secondo gli esperti resterà almeno per un mese ancora, prima della normalizzazione delle faglie.



Commenta Stampa
di Rosario Lavorgna
Riproduzione riservata ©