Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

A dirlo è la Cnn turca, il governo conferma la gravità

Terremoto in Turchia, è strage: "Forse 1000 morti"


Terremoto in Turchia, è strage: 'Forse 1000 morti'
23/10/2011, 17:10

ISTANBUL - Una vera e propria ecatombe. Numeri incerti, ma che mettono già i brividi, che tratteggiano un quadro drammatico di un Paese messo in ginocchio da un sisma. La scossa di terremoto che ha colpito il sud-est della Turchia è stato di 7,2 gradi della scala Richter e ha causato un numero imprecisato di morti. Tantissime vittime, stando alle prime voci dell’osservatorio Kandilli di Istanbul, che ha stimato tra le 500 e le 1000 persone uccise dalle macerie crollate oggi nella provincia orientale turca di Van. Un numero stimato dalla Cnn turca e annunciato anche dal Governo, che in un comunicato in cui però precisa che ancora non è possibile stabilire il numero delle vittime e l'esatta entità dei danni, a causa delle difficoltà che stanno incontrando i soccorritori per raggiungere le zone colpite.
In una intervista all'emittente locale NTV il sindaco del distretto di Ercis, Zulfikar Arapoglu, ha assicurato che ci sono "molti morti e feriti" e ha chiesto aiuti immediati. Quaranticinque condomini e un dormitorio sono crollati in seguito al sisma che ha colpito la Turchia, nella citta di Ercis. Lo rende noto la Mezzaluna Rossa turca, aggiungendo che i suoi soccorritori hanno estratto dalle macerie del dormitorio diverse persone ferite. Non è per ora disponibile un bilancio delle vittime.

L'agenzia Anatolia ha riferito che il sisma ha causato il crollo di diverse case a Van, capoluogo dell'omonima provincia nei pressi del confine con l'Iran, e che alla prima scossa ne sono seguite numerose altre di assestamento. Notizie confermate dalle immagini delle tv locali, che hanno mostrato edifici crollati, auto danneggiate e scene di panico tra la gente che si è riversata in strada. 

L'epicentro è stato localizzato a cinque chilometri di profondità nel villaggio di Tabanli, a nord di Van. La zona è al momento senza elettricità e anche le linee telefoniche sono interrotte.
I terremoti nella zona
Nel marzo dell'anno scorso un terremoto di magnitudo 6,0 aveva abbattuto case mal costruite in cinque villaggi della provincia di Elazig, sempre nell'est della Turchia, uccidendo 51 persone. Uno dei terremoti piu' devastanti della storia recente del montagnoso paese, a parte quelli del 1999, e' il sisma che nel 1976 fece circa 6.000 morti sempre nella Turchia orientale a Van e Agri.
Il terremoto piu' recente e di un certo rilievo e' stato quello del 19 maggio scorso che, con una magnitudo di 5,9, colpi' la citta' di Simav facendo due vittime e 79 feriti. Il sisma fu avvertito anche a Istanbul, megalopoli a rischio sismico tanto che il premier Recep Tayyip Erdogan, in campagna elettorale, ha promesso di spostare due milioni di abitanti in aree periferiche da trasformare in citta' satelliti meno a rischio.
 

Commenta Stampa
di Davide Gambardella
Riproduzione riservata ©