Dal mondo / Medioriente

Commenta Stampa

Avvenne lo scorso 19 giugno, 13 persone uccise

Terrorismo, Al Qaida rivendica attentato a 007 in Yemen


Terrorismo, Al Qaida rivendica attentato a 007 in Yemen
11/07/2010, 19:07

Quasi un mese di silenzio, poi la rivendicazione attraverso un comunicato recapitato poche ore fa. L'obiettivo di quel raid messo a segno dalle brigate di Jamil Nasser al Ambari era quello di sterminare gli specialisti dell'intelligence nemica. L'organizzazione terroristica Al Qaida nella penisola arabica (Aqpa) ha rivendicato oggi con un comunicato l'attentato compiuto lo scorso 19 giugno contro la sede dei servizi segreti yemeniti nella città portuale di Aden, la principale del sud dello Yemen. Nell'attacco, compiuto con lanciagranate e fucili mitragliatori e durato più di un'ora, almeno 13 persone (tra cui una decina di 007) erano state uccise. Una settimana dopo, le autorità yemenite avevano arrestato diversi presunti militanti di al Qaida, ritenuti responsabili dell'attacco anche se non c'era stata alcuna rivendicazione. Nel comunicato è scritto che il 19 giugno "le brigate di Jamil Nasser al Ambari hanno dato l'assalto al quartier generale dei servizi segreti e hanno ucciso almeno 24 ufficiali e soldati".

Commenta Stampa
di Davide Gambardella
Riproduzione riservata ©