Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

Avrebbe contatti con al Qaeda, preso anche il fratello

Terrorismo: arrestato ingegnere del Cern di Ginevra


Terrorismo: arrestato ingegnere del Cern di Ginevra
09/10/2009, 20:10

E’ un ingegnere del Centro di ricerca nucleare di Gineva (Cern) l’uomo arrestato ieri nel centro-est della Francia insieme al fratello: per l’accusa di tratta di un fondamentalista islamico che avrebbe in programma di commettere un attentato. La polizia ha raggiunto i due uomini nella loro abitazione di Vienne, nel dipartimento dell’Isere. I due fratelli, di 25 e 32 anni, sono sospettati di avere avuto contatti via internet con membri di al Qaeda nel Mghreb islamico (Aqmi), organizzazione fondamentalista nordafricana che nel 2007 ha raccolto l’eredità del Gspc algerico (Gruppo salafita per la predicazione ed il combattimento) ed è attiva in particolare nei Paesi del Maghreb, in Mauritania e in Mali.
Gli inquirenti hanno effettuato perquisizioni e sequestrato due computer portatili, tre hard disk e varie chiavette usb. Il maggiore dei due fratelli è l’oggetto dei sospetti più gravi, anche se non sembrebbe mai passato ai fatti; avrebbe delle “attrazioni” verso il mondo dell’estremismo ma “non sembra aver commesso atti materiali di preparazione” degli attentati. Tra i vari scambi via internet attualmente esaminati dagli inquirenti, tra i due fratelli arrestati e persone già note perché vicine all’Aqmi, sarebbero state ritrovate anche delle liste di potenziali obiettivi stilate proprio dall’ingegnere.

Commenta Stampa
di Nico Falco
Riproduzione riservata ©