Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

Si cercano i complici di Merah, il pluri-omicida

Tolosa: retate e manette per 20 islamici radicali

Sequestrati anche diversi fucili kalashnikov

Tolosa: retate e manette per 20 islamici radicali
30/03/2012, 09:03

PARIGI – Dopo la sepoltura, non senza polemica, di Mohammed Merah in territorio francese (nel cimitero di Cornebarrieu), si intensificano le indagini sulla strage di Tolosa, soprattutto sull’ipotesi dell’esistenza di un terzo uomo complice del 24enne franco-algerino. La polizia francese, infatti, ha effettuato in diverse città, in particolare a Tolosa, una serie di retate che hanno condotto all’arresto di almeno una ventina di sospetti estremisti islamici e al sequestro di fucili kalashnikov.
Le operazioni francesi sono state eseguite all’alba: non è ancora chiaro se gli arresti compiuti abbiano un collegamento diretto con l’ormai famoso killer di Tolosa, ma non ci sono dubbi sul fatto che a far scattare le retate sia stato proprio il lavoro di indagini, che le autorità francesi stanno compiendo per fare luce sulla strage di Tolosa. La pista su eventuali complicità, infatti, si consolida: è strato il fratello di Mohammed Merah, Abdelkader Merah, a indicare la presenza di un altro complice presente al furto dello scooter utilizzato poi per le stragi. L’operazione, riferita in via riservata da fonti addentro all’inchiesta, è stata condotta su ordine del procuratore parigino Francois Molin, il quale ha confermato infatti che gli inquirenti sono alla ricerca di eventuali complici del pluri-omicida.
Il presidente francese Nicolas Sarkozy ha fatto sapere che le operazioni come quella di questa mattina “continueranno”. Sarkozy ha inoltre paragonato i massacri di Tolosa e Montauban agli attentati dell’11 settembre: “I fatti di Montauban e Tolosa sono un trauma profondo per il nostro Paese, un pò come il trauma subito dagli Usa in seguito agli attacchi alle Torri Gemelle”, ha infatti dichiarato.

Commenta Stampa
di Antonio Formisano
Riproduzione riservata ©