Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

Evacuati liceo e scuole elementare accanto alla banca

Tolosa, sequestrati in nome al Qaida. Liberato un ostaggio


Tolosa, sequestrati in nome al Qaida. Liberato un ostaggio
20/06/2012, 14:06

Una delle quattro persone tenute in ostaggio in una banca di Tolosa da un uomo che si e' dichiarato membro di Al Qaeda e' stata liberata. Lo ha riferito la polizia francese. Gli ostaggi si trovano in una filiale del Cic, a 100 metri dall'appartemento dove, nel marzo scorso, si asserraglio' Mohamed Merah, il franco-algerino autore della strage alla scuola ebraica, prima di venire ucciso dalle teste di cuoio.
Il sequestratore, che afferma di appartenere ad Al Qaida, sta tenendo in ostaggio alcune persone in una banca di Tolosa. Secondo quanto riferisce il canale all news Bfm Tv, il sequestratore sarebbe armato, avrebbe sparato un colpo in aria e richiesto l'intervento della squadra speciale che uccise Mohamed Merah, il franco-algerino autore della strage alla scuola ebraica della cittadina francese. Sul posto e' arrivata la polizia, che ha messo in sicurezza l'area circostante.
I sequestrati, riportano i media francesi citando la polizia, sarebbero il direttore della filiale e alcuni dipendenti. Secondo fonti locali, al momento non confermate, l'uomo avrebbe prima cercato di rapinare la banca, poi si sarebbe barricato con gli ostaggi. Nelle vicinanze della banca dove e' in corso il sequestro, riporta sempre Bfm Tv, c'e' un liceo, che e' stato evacuato per precauzione. Sul luogo stanno arrivando il gruppo di intervento speciale della polizia francese e il procuratore di Tolosa. La citta' del sudovest della Francia era stata teatro, nel marzo scorso, di una serie di uccisioni ad opera di un altro uomo che si diceva membro di Al Qaida, il ventitreenne Mohamed Merah, che era alla fine stato ucciso durante un radi della polizia nella sua casa, dove si era barricato per resistere all'arresto. Nel frattempo, sono stati evacuati il liveo e la scuola elementare accanto alla banca.
 

Commenta Stampa
di Veronica Riefolo
Riproduzione riservata ©