Dal mondo / America

Commenta Stampa

Golpe sventato in Ecuador

Torna il presidente Rafael Correa


Torna il presidente Rafael Correa
02/10/2010, 10:10

Il golpe è stato sventato ed il presidente ecuadoriano Rafael Correa è tornato alla presidenza.

L'Ecuador ritrova la calma dopo le tensioni dei giorni scorsi, «Non ci sarà né perdono né oblio», ha dichiarato il presidente Correa. «Tutti coloro che hanno disonorato l'uniforme della polizia e ci hanno fatto passare per una repubblica da operetta, saranno puniti».

Non è lo stesso Correa alla manifestazione di giovedì scorso quando il presidente, di fronte a una manifestazione di poliziotti, organizzata contro la decisione del governo ecuadoriano di tagliare i fondi alla polizia, esclamava: «Sono qui, uccidetemi se avete coraggio, avanti fatelo».

La protesta della forze di polizia del paese sudamericano è degenerata in scontri, disordini e saccheggi: totale: tre morti e 70 feriti.

Stando alle ricostruzioni, l'ordine istituzionale sia stato ritrovato grazie all'intervento dell'esercito dei fedelissimi del presidente.

Il giovedì nero dell'Ecuador ha ricordato i momenti più brutti dei governi latinoamericani del secolo scorso, degli anni in cui i governi eletti democraticamente venivano rovesciati da eserciti golpisti.

Freddy Martinez ieri ha dichiarato che «un comandante che non viene rispettato, anzi viene aggredito dai suoi subalterni non può continuare a guidarli, avevano il diritto di protestare ma hanno scelto la strada sbagliata».

Lo stesso Martinez chiede al governo «riesaminare la legge organica dei dipendenti pubblici, una legge discussa che ha provocato questa serie di reazioni spropositate, affinché non siano intaccati i diritti dei poliziotti».

Anche Hugo Chavez nei giorni scorsi ha lanciato in rete un messaggio che sembrava una vera e propria mobilitazione a supporto del presidente Correa.

Tra i golpisti ecuadoriani, secondo fonti della stampa ecuadoriana, compare anche l'ex presidente Lucio Gutierrez, destituito nel lontano 2005 dopo aver fatto un mandato disastroso.

Commenta Stampa
di Fabio Iacolare
Riproduzione riservata ©