Dal mondo / Medioriente

Commenta Stampa

Strali contro Israele, Usa, India e Pakistan

Torna l’incubo Bin Laden: “Obama come Bush”


Torna l’incubo Bin Laden: “Obama come Bush”
03/06/2009, 18:06

L’emittente Al Jazeera ha trasmesso oggi un nuovo messaggio attribuito al leader di al Quaida. Lo sceicco del terrore si è espresso questa volta a favore del Pakistan, puntando il dito contro un presidente ritenuto colpevole di “alto tradimento” e Israele e l’India, accusati di agire contro lo stato mediorientale; ma Bin Laden lancia un messaggio anche al neo presidente degli Usa, che a suo dire sta adottando la stessa politica antimusulmana di Bush.

Atif Zardari, presidente del Pakistan, è uno dei bersagli degli anatemi di Bin Laden. Lo sceicco considera un pesante tradimento l’aver permesso la campagna militare sferrata dall’esercito di Islamabad contro i talebani nelle zone tribali del Pakistan, ed accusa il Presidente di avere “distolto l’esercito dai suoi compiti in difesa dell’Islam e della sua terra spingendolo anzi a fare la guerra ai musulmani”. Una guerra che significherebbe, secondo Bin Laden, un enorme rientro economico per il Presidente (“il grande traditore Zardari riceve molto più del 10% di commissione”) e che sarebbe voluta da “un complotto americano-sionista-indiano” che, ha proseguito Bin Laden, “espone non solo l’economia del Pakistan al collasso, ma mette in grave rischio anche la religione, la sicurezza e l’unità del Pakistan”. E’ la prima volta che le strali dello sceicco del terrore vengono scagliate anche contro l’India, ritenuta responsabile, insieme agli Usa e ad Israele, di voler “minare l’unità del Pakistan”. 

Nel messaggio audio diffuso dall’emittente araba, Osama Bin Laden ha inoltre accusato Barack Obama di adottare la stessa politica antimusulmana che aveva seguito George Bush. “Obama, - dice lo sceicco del terrore, - segue la linea di chi lo ha preceduto nel disprezzo e nello spirito di vendetta che cova nei confronti dei musulmani”.

Commenta Stampa
di Nico Falco
Riproduzione riservata ©