Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

Tra i big il proprietario di Ikea e Vittorio Emanuele

Tremano i miliardari in Svizzera, il 23 c'è il referendum sulle tasse


Tremano i miliardari in Svizzera, il 23 c'è il referendum sulle tasse
03/09/2012, 10:06

GSTAAD (SVIZZERA) - C'è un gruppo di miliardari che in questi giorni stanno tremando: da un giorno all'altro rischiano di decuplicare o centuplicare quello che paganop al fisco. Sono i miliardari che hanno fissato la residenza nel Canton Berna, in Svizzera. Attualmente, secondo le norme del cantone, pagano una cifra a forfait. Per fare un esempio Ingvar Kamprad, proprietario dell'Ikea ed uno dei più ricchi al mondo, pare paghi qualcosa come 150 mila  euro all'anno. Ma non è l'unico. QUesto trattamento (cioè un pagamento a forfait annuale) riguarda anche altre persone: Vittorio Emanuele di Savoia, Roman Polanski, Bernie Ecclestone, ecc. 
Ma la pacchia potrebbe finire tra qualche settimana: il 23 settembre ci sarà un referendum - organizzato dai sindacati di sinistra - che chiede l'abolizione di questo privilegio. Un risultato che interessa anche i politici svizzeri, che hanno sempre sfruttato la possibilità di grossi sconti fiscali per attrarre miliardari che poi, inevitabilmente, fanno "regali" alla cittadinanza, costruendo questa cosa o restaurando quell'altra. Ma se il referendum dirà "no agli sconti fiscali", cosa faranno gli svizzeri?

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©