Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

Lo svizzero venne arrestato per ritorsione

Tripoli, lascia il carcere l'imprenditore Max Goeldi


Tripoli, lascia il carcere l'imprenditore Max Goeldi
13/06/2010, 17:06

Torna in libertà Max Goeldi, l’imprenditore svizzero arrestato dalle autorità libiche per ritorsione contro il fermo, nel luglio del 2008 in Svizzera, di uno dei figli di Muammar Gheddafi. L’uomo, ammanettato insieme a Rashid Hamdani a Tripoli, come rappresaglia all’arresto del figlio del dittatore Hannibal (accusato insieme alla moglie di aver schiavizzato una coppia di domestici, ndr), è stato rilasciato a seguito di un lungo e tortuoso lavoro diplomatico avviato tra più Paesi europei per scongiurare che tra Berna e Tripoli scoppiasse una crisi bilaterale. Oltre a ritirare gli ingenti depositi nei forzieri elvetici, infatti, la Libia aveva arrestato i due uomini d’affari svizzeri, Rashid Hamdani e Max Goeldi. Nell'autunno scorso, Berna aveva deciso a sua volta di inserire in una “lista nera 188 libici membri dell'élite del Paese (compresi Gheddafi e la sua famiglia), negando loro i visti per l'ingresso nell'area di Schengen”.
L'escalation era continuata a febbraio con la ritorsione di Tripoli, che aveva negato il visto d'entrata a tutti i cittadini europei dell'area di Schengen. Questa decisione aveva creato tensioni fra diversi paesi dell'Ue e la Svizzera, accusata esplicitamente (fra gli altri, dal ministro degli Esteri italiano Franco Frattini) di abusare del proprio status di membro di Schengen, utilizzandolo per i propri problemi bilaterali, senza considerazione per le conseguenze sugli altri partner dello spazio di libera circolazione europeo.
Con la mediazione della presidenza di turno spagnola dell'Ue e di diversi altri paesi membri (in particolare Italia e Germania), uno dei due svizzeri in residenza forzata a Tripoli - Hamdani - è stato poi rilasciato, ma il secondo - Max Goeldi - è sempre stato detenuto dalle autorità libiche.
Goeldi è stato liberato ieri e, secondo quanto riferito dal suo legale, avrebbe già ricevuto il passaporto. “Abbiamo completato tutte le procedure affinché possa ottenere il visto di uscita domani” ha dichiarato Salah Zahaf. Secondo la stampa elvetica, dopo aver fatto il gesto di liberare Goeldi, la Libia avrebbe chiesto alla Svizzera, prima di autorizzarlo a lasciare il suo territorio, la creazione di un tribunale che si pronunci sulla legalità dell'arresto di Hannibal Gheddafi, il figlio del leader libico Muammar, all'origine del contenzioso senza fine fra i due Paesi.

Commenta Stampa
di Davide Gambardella
Riproduzione riservata ©