Dal mondo / Africa

Commenta Stampa

Tripoli: minacce contro i Paesi Nato. "Mille morti per ogni imam ucciso"


Tripoli: minacce contro i Paesi Nato. 'Mille morti per ogni imam ucciso'
14/05/2011, 15:05

Non tarda ad arrivare la minaccia degli imam di Tripoli nei confronti dell'Italia e di altri Paesi Nato dopo il raid dell'Alleanza Atlantica a Brega. "Mille persone moriranno per ciascuno degli 11 imam uccisi", hanno annunciato alcuni dei capi spirituali islamici presenti a una conferenza stampa di Moussa Ibrahim, portavoce del governo di Tripoli.

In realtà, ad orchestrare quella che si presenta come una vera e propria fatwa contro i Paesi interessati, è stato l'imam libico Noureddin al-Mijrah. Intanto non arrivano conferme dalla Nato riguardo la morte dei 16 civili  causata dai bombardamenti di venerdì dell'Alleanza sulla città di Brega.

"Siamo al corrente delle affermazioni che parlano di alcune perdite civili legate al bombardamento" - è possibile leggere in un comunicato - "E sebbene non possiamo confermare in maniera indipendente la loro validità ci rammarichiamo per la morte eventuale di civili innocenti".

Durante la conferenza stampa indetta dal regime di Tripoli, sono stati annunciati per sabato i funerali degli 11 imam vittime del raid della Nato, ma non è mancate l'esortazione alla vemdetta: "Uccidete 1000 persone per ciascun imam ucciso in Italia, Francia, Gran Bretagna, Danimarca, Qatar ed Emirati Arabi".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©