Dal mondo / America

Commenta Stampa

Iniezione letale in un carcere della Georgia

Troy Davis è stato giustiziato

Inutili gli appelli sulla sua presunta innocenza

Troy Davis è stato giustiziato
22/09/2011, 08:09

Troy Davis è stato giustiziato. Il 42enne afro americano, accusato di aver ucciso nel 1989 il poliziotto Mark MacPhail fuori da un Burger king a Savannah, in Georgia. Negli anni si sono succedute centinaia di manifestazioni per impedire l’esecuzione di Troy Davis, dal momento che molti elementi ne provavano l’innocenza. Innanzitutto nessuna prova fisica che lo legasse all’omicidio. Inoltre alcuni testimoni hanno modificato o ritrattato le proprie dichiarazioni, sostenendo si essere stati costretti dalla polizia a testimoniare contro Troy Davis. Nonostante ciò alle ore 5.08 (ora italiana) è avvenuta l’esecuzione attraverso un’iniezione letale, mentre all’esterno del carcere continuavano le proteste a sostegno della sua innocenza. “L'incidente di quella notte non è colpa mia. Non avevo una pistola. Non ho ucciso vostro figlio, padre o fratello. Sono innocente”, ha continuato a ripetere Davis alla famiglia del poliziotto.

Commenta Stampa
di Maria Grazia Romano
Riproduzione riservata ©