Dal mondo / Africa

Commenta Stampa

Il reato non veniva perseguito da molti anni

Tunisia: dopo tanti anni, arrestato un uomo per "sodomia"


Tunisia: dopo tanti anni, arrestato un uomo per 'sodomia'
08/04/2013, 14:39

TUNISI (TUNISIA) - Un avvocato tunisino, Mounir Baatour, è stato arrestato nel suo Paese con l'accusa di "sodomia". Il reato è previsto dal Codice Penale tunisino (come purtroppo succede in molti Paesi dove prevale la religione islamica), ma erano molti anni che non veniva applicato, data la tendenza al laicismo del Paese. Ma possono esserci implicazioni politiche, dato che Baatour è fondatore e presidente del Partito LIberale, un piccolo partito che non ha avuto abbastanza consensi da entrare in Parlamento. 
L'avvocato è stato arrestato in un albergo della capitale mentre era in atteggiamenti intimi con un ragazzo di 18 anni (secondo alcune fonti, solo 17 anni). Ci potrebbe essere anche l'assuca si aver fatto sesso con un minorenne (per la legge tunisina la maggiore età scatta a 20 anni), ma durante l'udienza preliminare questo argomento non è stato assolutamente preso in considerazione. 
Ma la notizia ha indignato una buona parte della popolazione tunisina, dove la sodomia è considerata una pratica normale, sia tra uomini che tra uomo e donna, per consentirle di arrivare formalmente vergine al matrimonio. E tuttavia resta il brutto segnale: la sodomia è un "reato" tipicamente religioso. E quindi è un segnale di quanto nei Paesi attraversati dalla "rivoluzione araba" sia l'estremismo che avanza e non il senso civico. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©