Dal mondo / Africa

Commenta Stampa

Si chiama “Addarein” ed è disponibile online

Tunisia, nasce il primo periodico online dei Salafisti


Tunisia, nasce il primo periodico online dei Salafisti
03/04/2012, 19:04

TUNISIA - La corrente salafita in Tunisia ha fondato il suo primo periodico. Si chiama “Addarein” ed è disponibile online. L'obiettivo della testata è quello di «difendere la sharia islamica e l'immagine dei musulmani», ma anche «unire le loro fila e i loro scopi», come si legge nell'editoriale del primo numero. Il giornale, promettono i salafiti, sarà «schierato dalla parte della verità» e si caratterizzerà per «l'obiettività e il rispetto degli standard morali islamici nell'esprimere le opinioni e riferire le notizie». Tra gli articoli apparsi nella prima edizione, uno è intitolato “Chi ha detto che la battaglia della sharia nella costituzione è finita?”, mentre un altro riporta la notizia di un'estremista laico che avrebbe aggredito con una spada uno studente devoto. Un altro ancora fa riferimento alla conferenza che si è svolta di recente a Monastir, a sud di Tunisi, su invito dell'ex premier al-Baji Qaed al-Sibsi, e alla quale hanno partecipato più di 50 partiti. A questo proposito, l'articolo afferma che questa iniziativa, che mirava a riunire le forze liberali del paese contro l'ascesa della corrente islamica, «è destinata al fallimento, poiché qualunque idea contraria all'Islam o che vuole porsi in concorrenza con esso non può che fallire». L'apparizione di questa testata giunge in un momento in cui nel paese nordafricano cresce sempre più il timore suscitato dall'escalation dei salafiti, mentre il leader del primo partito tunisino Ennahda, Rached Ghannouchi, ha fatto sapere di aver avviato un dialogo con gli sheykh di questa corrente e di averli «incoraggiati» ad agire «entro i confini della legalità».

Commenta Stampa
di Valerio Esca
Riproduzione riservata ©