Dal mondo / Medioriente

Commenta Stampa

“Impedire accesso è violazione libertà di pensiero"

Turchia, Corte Costituzionale: “Sbloccate twitter”


Turchia, Corte Costituzionale: “Sbloccate twitter”
02/04/2014, 20:12

La Corte Costituzionale ha ordinato alle autorità turche di sbloccare twitter perché impedire l’accesso al social network è violazione della libertà di pensiero. Lo riferisce il sito web del quotidiano 'Hurriyet', sottolineando dunque la decisione della Corte di accogliere il ricorso contro il divieto imposto dal governo di Ankara. La sentenza è stata poi comunicata all'Autority per le telecomunicazioni (Tib) e al ministero dei Trasporti e delle Comunicazioni con l'ordine di renderla subito esecutiva.

In Turchia, l’accesso a twitter è negato dallo scorso 20 marzo, in piena campagna elettorale per le elezioni amministrative che si sono svolte domenica scorsa che ha visto la vittoria del partito del primo ministro Recep Tayyip Erdogan, anche se l'opposizione ha denunciato brogli presentando ricorsi in diverse citta'.

Una settimana dopo lo stop a Twitter, la Tib ha bloccato l'accesso anche al sito di video-sharing YouTube. Il provvedimento è stato preso dopo la pubblicazione sul sito dell'intercettazione di una conversazione tra il ministro degli Esteri Ahmet Davutoglu, il capo dell'intelligence Hakan Fidan e il vice capo di stato maggiore Yasar Guler che parlano di un possibile intervento in Siria e valutano le eventuali reazioni internazionali.

 

Commenta Stampa
di Erika Noschese
Riproduzione riservata ©