Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

Turchia: via libera alle cause contro Pamuk


Turchia: via libera alle cause contro Pamuk
07/10/2009, 17:10

Il Premio Nobel per la Letteratura nel 2006, Orhan Pamuk rischia di trovarsi nei guai, con la giustizia del suo Paese. Tutto a causa di una intervista che rilasciò nel 2005, nella quale disse: "'Noi turchi abbiamo ucciso 30.000 curdi ed un milione di armeni e nessuno, tranne me, osa parlarne in Turchia". Il problema è che i massacri dei curdi e il genocidio degli armeni sono due argomenti di cui in Turchia è letteralmente vietato parlare. Per questo il Premio Nobel fu sepolto sotto una valanga di querele. Ma il giudice di primo grado, nel giugno 2006, respinse tutte le querele, dichiarandole inammissibili. Invece oggi la Suprema Corte Turca, capovolgendo quella vecchia sentenza, ha dato il via libera per chiunque voglia proporre querela contro il premio Nobel, perchè si sente offeso dalle parole dello scrittore.
Certo che è brutto pensare che ci possano essere persone che si sentono offese da una cosa vera.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©