Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

L'omofobia di Stato diventa sempre più regola

Turchia: vietate ad Ankara le manifestazioni Lgtb


Turchia: vietate ad Ankara le manifestazioni Lgtb
20/11/2017, 10:32

ANKARA (TURCHIA) - Continua l'islamizzazione estremista della Turchia ad opera del presidente Tayyip Recep Erdogan. L'ultima novità arriva da Ankara, dove le autorità hanno vietato qualsiasi manifestazione legata al mondo Lgtb. Film, teatri, mostre, esibizioni... tutto cancellato a tempo indefinito. La motivazione? "Proteggere l'ordine pubblico e la sensibilità della gente di fronte ad attività di questo genere" perchè possono mettere in pericolo "la salute e la moralità" dei cittadini. 

In realtà, non è stata una scelta estemporanea. Sono anni che le autorità stanno aumentando la pressione contro i gay, costringendoli a nascondersi oppure ad essere socialmente emarginati. Sono state fatte leggi discriminatorie contro di loro, è stato abolita l'organizzazione del Gay Pride e via di questo passo. Anche se non c'è una presa di posizione ufficiale, è difficile non collegare questo comportamento con l'estremismo islamico di cui Erdogan è portatore e che l'ha portato a fare una serie di leggi e una riforma costituzionale che mettono in pericolo la laicità dello Stato che resiste da 90 anni. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©