Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

L'episodio risale al 2014, morirono 300 persone

Ucraina: confermata la responsabilità russa nell'abbattimento del Mh17


Il lancia missile usato dai russi per abbattere l'aereo
Il lancia missile usato dai russi per abbattere l'aereo
24/05/2018, 16:28

KIEV (UCRAINA) - Arriva l'ennesima conferma sull'abbattimento di un aereo civile, con la sigla Mh17, avvenuta nei cieli ucraini nel 2014, mentre l'esercito russo attaccava e conquistava il sud dell'Ucraina. Un abbattimento che costò la vita a 298 persone, tra passeggeri ed equipaggio. Sin da subito ci furono accuse contrapposte: gli ucraini accusarono Mosca di aver abbattuto l'aereo con un missile antiaereo di tipo Buk; i russi replicarono che era stato un aereo ucraino con un missile aria-aria. Già nel 2015 un gruppo di giornalisti indipendenti internazionali dimostrarono che le responsabilità erano delle unità russe. Una versione che ora viene nuovamente confermata da una commissione internazionale che ha esaminato i dati riuscendo ad individuare sia la brigata russa che lanciò il missile, sia la zona di lancio del missile (nei pressi della città di Kursk). 

Per domani è prevista a L'Aja una conferenza stampa della commissione che spiegherà nei dettagli le sue conclusioni. La Russia ha già risposto liquidando la storia come un fatto vecchio e in cui loro hanno già dimostrato l'estraneità. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©