Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

La Commissione ha dichiarato impossibile stabilire l'esito

Ucraina: proteste per brogli elettorali. Rivotare in 5 collegi

Almeno 2 mila persone sono scese in piazza

Ucraina: proteste per brogli elettorali. Rivotare in 5 collegi
05/11/2012, 21:32

KIEV (UCRAINA) - Almeno 2 mila persone sono scese in piazza nel centro di Kiev per protestare contro i presunti brogli elettorali denunciati durante le votazioni lo scorso 28 ottobre. Sostenitori del pugile Vitali Klitschko hanno sventolato bandiere ucraine davanti alla sede della Commissione elettorale centrale, sotto gli occhi di agenti della polizia antisommossa. "Vogliamo un nuovo conteggio di queste controverse elezioni" ha affermato il pugile, leader del partito dell'opposizione Udar. La Commissione elettorale centrale aveva assegnato al partito delle Regioni del presidente Viktor Yanukovych il 30%, mentre al partito della Madrepatria dell'ex premier Yulia Tymoshenko è andato il 25,5% e al partito Udar il13%. La Commissione elettorale ha dichiarato oggi impossibile stabilire con esattezza i risultati del voto in 5 collegi elettorali uninominali e ha chiesto al Parlamento di farvi ripetere le elezioni. Secondo la Commissione, le elezioni in queste 5 circoscrizioni non si sono svolte secondo quanto previsto dalla Costituzione.
Intanto una parte dell'opposizione minaccia di non riconoscere il nuovo Parlamento e di chiedere la convocazione di un nuovo voto. Il partito Patria della Tymoshenko si è detto "pronto a dichiarare non valida" la nuova Rada, ovvero il Parlamento, a meno che le autorità non "fermino la falsificazione dei procedimenti elettorali". Lo stesso hanno avanzato altri partiti d'opposizione, i nazionalisti di Svoboda e Udar, che minacciano di boicottare il nuovo Parlamento.

Commenta Stampa
di Emanuele De Lucia
Riproduzione riservata ©