Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

Le presidenziali di domenica non assegnano il vincitore

Ucraina: Yanukovich e Timoshenko al ballottaggio


Ucraina: Yanukovich e Timoshenko al ballottaggio
18/01/2010, 20:01

KIEV - L’Ucraina andrà al ballottaggio. Nessun candidati alla presidenza dell’ex paese sovietico ha raggiunto la soglia necessaria all’elezione. Un simbolo che il Paese è diviso. La questione non è di poco conto se si pensa alle ripercussioni sui rapporti tra Kiev e Mosca.
Al ballottaggio, previsto per il 7 febbraio, andranno il candidato filorusso Viktor Yanukovich, che ieri ha preso il 35 per cento dei voti, e la ex premier del governo rivoluzionario ‘arancione’ Yulia Timoshenko, a cui sono andate circa il 25 per cento delle preferenze.
La Timoshenko è certa di poter rimontare e vincere al secondo turno grazie ai voti dei due candidati arrivati terzo e quarto al voto di domenica: l’ex ministro dell’Economia Sergei Tigipko, che ha preso il 13 per cento, e il presidente uscente Viktor Yushchenko che, con solo il 5 per cento dei voti è risultato il grande sconfitto di queste elezioni.
Il riavvicinamento a Mosca sarà molto netto se vincerà Yanukovich, mentre in caso di vittoria della Timoshenko l’Ucraina adotterà una politica di equidistanza tra Occidente e Russia. In ogni caso è da considerarsi conclusa la fase filo-occidentale apertasi dopo la rivoluzione arancione di cinque anni fa, naufragata a causa delle faide interne alla coalizione arancione e al boicottaggio economico dell’indispensabile vicino russo

Commenta Stampa
di Mario Aurilia
Riproduzione riservata ©