Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

L'incontro questa mattina in Vaticano

Udienza tiepida tra il Papa e Zapatero


Udienza tiepida tra il Papa e Zapatero
10/06/2010, 21:06

CITTA' DEL VATICANO - Il Presidente del Governo Zapatero si è intrattenuto per mezz'ora in udienza privata concessagli dal Papa stamane in Vaticano.
Un incontro piuttosto tiepido. Benedetto XVI non è andato incontro a Zapatero nella sala del Tronetto, come è consuetudine per tutti i Capi di Stato ed alcuni primi ministri, ad esempio, Silvio Berlusconi, ma lo ha atteso nella sua biblioteca. 
Il Papa ha affrontato con Zapatero due temi delicati dei rapporti tra Chiesa e governo socialista spagnolo: la legge sull'aborto e il controverso progetto normativo sulla libertà religiosa.
“I colloqui - si limita a riferire il comunicato della sala stampa della Santa Sede - hanno permesso uno scambio di vedute sull'Europa, sull'attuale crisi economico-finanziaria e sul ruolo dell'etica. Si è pure fatto riferimento ai Paesi dell'America Centrale e dei Caraibi, nonché ad altre situazioni, in particolare, al Medio Oriente. Nel prosieguo della conversazione - sottolinea la nota vaticana - ci si è soffermati sui rapporti bilaterali, come pure su questioni di attualità e d'interesse per la Chiesa in Spagna, quali l'eventuale presentazione di una nuova legge sulla libertà religiosa, la sacralità della vita fin dal concepimento e l'importanza dell'educazione”.
In Vaticano si nega che ci siano stati toni freddi ma le distanze rimangono incolmabili.
Zapatero, da parte sua, ha spiegato nella conferenza stampa successiva a Palazzo Chigi che i rapporti bilaterali ispano-vaticani “attraversano un buon momento” e che “il tono è stato assolutamente incentrato su educazione e libertà religiosa”.
Su un punto, però, la collaborazione tra Chiesa e governo Zapatero si è fatta concreta. Il comunicato vaticano non lo cita esplicitamente, ma l'indicazione di Cuba è chiara: sul nodo di Cuba, dunque, la collaborazione potrebbe decollare in tempi brevi.
Proprio a Cuba si recherà, la prossima settimana, il “ministro degli Esteri” della Santa Sede, monsignor Dominique Mamberti che, insieme al cardinal Bertone, si è intrattenuto con Zapatero e il suo ministro degli Esteri Miguel Angel Moratinos dopo il colloquio con il Papa. Mamberti visiterà Cuba per motivi religiosi, in realtà, ma il suo ruolo non potrà esimerlo da interessarsi anche delle questioni politiche al momento in discussione. 
Sempre nell'udienza di questa mattina, si è discusso delle visite del Santo Padre a Santiago e a Barcellona nel corso dell'anno, e a Madrid nel prossimo per la Giornata Mondiale della Gioventù e si è riconosciuta la più ampia disponibilità del Governo spagnolo a collaborare alla loro preparazione ed al loro svolgimento.
A conclusione dell'incontro Zapatero ha regalato al Papa un libro antico sulla storia del monastero di San Lorenzo Escorial. Benedetto XVI, invece, gli ha dato in dono un bassorilievo di bronzo raffigurante il Vaticano del 1600.

Commenta Stampa
di Elisa Scarfogliero
Riproduzione riservata ©